Cerca nel sito

Eventi a Vigevano:

Dal 26-05-2024 al 15-09-2024
Appuntamenti Musicali a San Dionigi
Dal 15-06-2024 al 02-07-2024
Vincenzo Parea - UNIVERSI CROMATICI
Dal 15-06-2024 al 30-06-2024
CASACRILICO
Dal 29-06-2024 al 29-06-2024
UN POMERIGGIO SPIRITUALE CON GLI AUTORI
Dal 29-06-2024 al 28-07-2024
7° MOSTRA FOTOGRAFICA DEI VIGEVANO PHOTO FRIENDS

Vedi tutti

Grazie a

Videonews


22/05/2024 09:12
Ancora non si sa come sarà composto, e soprattutto cosa conterrà, la parte del decreto SalvaCasa che dovrebbe venire in soccorso dell’urbanistica milanese, ancora alle prese con i fascicoli aperti in Procura per le irregolarità riscontrate in tanti cantieri sparsi in città.
Quello che è stato da più parti ribattezzato Salva-Milano, infatti, non sarà integrato nel decreto-legge che il ministro Matteo Salvini porterà probabilmente in Consiglio dei ministri già venerdì. La parte relativa al capoluogo lombardo, invece, seguirà un iter parlamentare, come ha spiegato il sottosegretario Alessandro Morelli.
Morelli ha inoltre spiegato che il Comune, al contrario della procura milanese, non sarà coinvolto nella scrittura del testo.
Dal canto suo, Palazzo Marino continua a sostenere la correttezza del suo operato, ricordando che Milano non deve essere salvata e che un semplice condono svilirebbe il lavoro fatto sinora dall’amministrazione.
Presente in sala anche uno dei principali player dell’edilizia a Milano, Mafredi Catella, Cofounder di Coima.
Nessuna dichiarazione, invece, dalla presidente dell’associazione dei costruttori, Regina De Albertis.
Il confronto tra le varie parti è andato in scena nel corso delle celebrazioni dei 50 anni del Consorzio Cooperative Lavoratori, che da mezzo secolo lavorano per rendere l’abitare più abbordabile.