Cerca nel sito

Eventi a Vigevano:

Dal 26-05-2024 al 15-09-2024
Appuntamenti Musicali a San Dionigi
Dal 15-06-2024 al 02-07-2024
Vincenzo Parea - UNIVERSI CROMATICI
Dal 15-06-2024 al 30-06-2024
CASACRILICO
Dal 29-06-2024 al 29-06-2024
UN POMERIGGIO SPIRITUALE CON GLI AUTORI
Dal 29-06-2024 al 28-07-2024
7° MOSTRA FOTOGRAFICA DEI VIGEVANO PHOTO FRIENDS

Vedi tutti

Grazie a

Videonews


23/05/2024 19:03
Più abbattimenti di cinghiali da parte dei Gruppi operativi territoriali grazie all'affiancamento dell'Esercito, più contributi alle aziende per la realizzazione delle recinzioni, monitoraggio degli spostamenti dei cinghiali con i droni a infrarossi da parte della Protezione civile e barriere in prossimità delle autostrade. Sono alcuni dei provvedimenti annunciati dall'assessore all'Agricoltura di Regione Lombardia Alessandro Beduschi sentito mercoledì in commissione Agricoltura su richiesta del gruppo Azione-Italia Viva. Secondo quanto riferito “nel Pavese e nel Parco del Ticino, primo focolaio della Psa in Lombardia, l’infezione sarebbe sotto controllo. Purtroppo il virus - ha aggiunto - si sta spostando verso est, nelle province di Lodi e di Cremona dove c'è un'altissima concentrazione di allevamenti e macelli. In Lombardia da oltre un anno non ci sarebbero segnalazioni di focolai negli allevamenti. I gruppi Azione-Italia Viva e Partito Democratico hanno manifestato preoccupazione per l'estensione del morbo alle zone a più alta densità di allevamenti, auspicando che Regione Lombardia intervenga con i ristori destinati agli operatori per i danni economici subiti e a reprimere i tentativi di speculazione sul prezzo della carne suina che sono già stati segnalati da più parti. Secondo il consigliere regionale del Pd Roberta Vallacchi Regione è in forte ritardo e, nonostante i numerosi segnali di allarme, non accenna ad affrettare il passo”. Venerdì a Bruxelles è un programma un summit a livello governativo sul tema della Psa.